Stabilire la giusta strategia di web marketing pone delle sfide, alle volte anche quotidiane: questo perché bisogna essere sempre al passo coi tempi e trovare la soluzione più adatta alla propria clientela. Se hai deciso di portare la tua strategia di influencer marketing al livello successivo, un’ottima possibilità di crescita in questo senso è data dalla relazione costante con un blogger ben posizionato sul tuo mercato di riferimento, contattato mediante una piattaforma come getfluence. Perché scegliere di inserire nel proprio team un blogger? Questi saprà colpire i vostri clienti e dir loro le paroline giuste… fintantoché saprai parlare con lui in maniera chiara e diretta. Il brief dei contenuti, infatti, è in grado di aggiungere valore agli articoli sponsorizzati. Questo brief non ha nulla a che fare con il brief inviato a un’agenzia pubblicitaria. Molto importante per un influencer è parlare di qualcosa che hanno davvero apprezzato, senza dover forzare la “sponsorizzazione“. Infatti, ciò che rende prezioso un blog è la sua autenticità. I lettori fuggono nel momento in cui sospettano manipolazioni commerciali. Questo è il motivo per cui molti influencer sono titubanti e restii a lanciarsi nell’universo degli articoli sponsorizzati. Anche dopo aver fatto la loro scelta, il loro obiettivo principale è quello di comunicare informazioni utili per il pubblico. Un contenuto di qualità ha alle sue spalle un intenso lavoro di comunicazione. Il responsabile dell’influencer marketing deve essere in grado di:

  • comprendere intimamente la linea editoriale del blog e l’identità dei suoi lettori;
  • offrire a ciascun influencer contenuti su misura per massimizzare il valore dell’articolo sponsorizzato;
  • cercare di costruire una collaborazione sincera, proficua e rispettosa con gli influencer.

In questa ottica, le strategie di influencer marketing non possono essere improvvisate! Se portate avanti in maniera corretta, l’immagine del brand e la lealtà che ispira risultano notevolmente rafforzate. Ogni errore, anche il più banale, potrebbe minare la collaborazione stessa con l’influencer.

 

Durante il brief relativo al contenuto è necessario esplicare chiaramente le esigenze del cliente. Il blogger è uno specialista nel suo campo, ma per poter scrivere un articolo pertinente deve conoscerti meglio, soprattutto all’inizio della collaborazione. Il brief dei contenuti dovrebbe aiutarlo a comprendere l’identità dell’azienda, nonché il suo posizionamento sul mercato. E’ necessario, quindi, elaborare una breve presentazione di tutti i prodotti e dei servizi offerti, rendere chiara la visione del marchio e le prospettive di sviluppo, prospettare una panoramica storica dell’azienda, comprese le sue campagne di comunicazione, e operare una breve introduzione delle persone con cui il blogger sarà regolarmente in contatto. Questa presentazione può anche essere basata su documenti strategici di comunicazione, come un rapporto di attività o un comunicato stampa. Queste diventano le fonti dell’articolo sponsorizzato e va assolutamente chiarito se e in che misura l’influencer può citarle. Oltre alla descrizione del contenuto, è possibile che l’editore chieda di testare il prodotto o il servizio che presenterà al suo pubblico. A seconda della loro disponibilità, ad alcuni blogger piace interagire direttamente con qualcuna delle persone coinvolte nell’argomento del quale parleranno: una breve intervista apporta un valore aggiunto sia da un punto di vista giornalistico che da un punto di vista umano al loro lavoro.

Definire gli obiettivi dell’articolo sponsorizzato: il vero ruolo del brief dei contenuti

Ogni articolo sponsorizzato è soggetto a un targeting personalizzato che il brief del contenuto deve discutere dettagliatamente. Deve saper esplicitare:

  • il pubblico che l’azienda sta cercando di indirizzare, che può essere un segmento o l’intero pubblico del blog;
  • la reazione che l’azienda cerca di innescare e delle specifiche call-to-action per ogni pubblico.

Nella definizione degli obiettivi dell’articolo sponsorizzato non bisogna dimenticare di specificare le caratteristiche che la scrittura deve assumere. La sponsorizzazione dell’articolo garantisce il rispetto di determinati requisiti formali nella redazione dello stesso. Questi sono vitali per il lavoro del blogger che andrà a concentrarsi proprio sui contenuti più efficaci per il mercato di riferimento. In ambito marketing bisogna considerare tutte le chiavi di lettura possibili, la lunghezza approssimativa dell’articolo, le deadline per la consegna e la pubblicazione, le linee guida SEO con le principali keyword da spingere, i tag e il campo lessicale che corrisponde agli obiettivi SEO prefissati. Alcuni brand preferiscono suggerire persino il tono che dovrà tenere l’articolo. Infatti, il tono adottato, e concordato con il blogger, corrisponderà alla linea editoriale del blog, che è già stata precedentemente stabilita e accettata dal cliente. In questo modo si creerà una collaborazione proficua tra blogger e brand che permetterà di ottenere dei risultati veramente vantaggiosi. E tu, dai il giusto peso al brief con i tuoi collaboratori?