Negli ultimi anni ci si è resi facilmente conto che la pubblicità tradizionale non attira e non è efficace come in passato. Anzi, è in grado di infastidire e di ottenere il contrario dei risultati attesi. Basti pensare agli interminabili minuti di pubblicità in TV tra un programma e l’altro o all’interno dello stesso programma. Nonostante gli spettatori, nella maggior parte dei casi, la sopportino passivamente, a una riflessione più profonda ne sono infastiditi. Per questo e per altri motivi si preferisce scegliere delle forme di pubblicità meno invasive e più tollerabili. In questa ottica, vengono sempre più frequentemente integrate nel format nel quale sono proposte. Delle ottime possibilità sono offerte dal native advertising, una forma di pubblicità online molto diffusa in particolar modo sui social media. Ma cos’è il native advertising e perché è sempre più spesso inserito nelle strategie di web marketing?

Native advertising: cos’è e perché usarlo.

Il native advertising consiste nella presenza di contenuto sponsorizzato che viene inglobato nel sito, sul social network o nell’app in cui si trova sotto forma di informazione e in linea con lo stile del sito o del portale. Un advertising di questo tipo è preferibile ai vari banner pubblicitari in quanto non interrompe la navigazione dell’utente, non gli porta via del tempo né attenzione, ma assume la forma del contesto in cui è inserito e, informando mediante un taglio prettamente giornalistico, attira il lettore o l’osservatore verso il brand. Gli utenti, inoltre, vengono profilati e vengono loro proposti delle pubblicità in linea, in modo che l’annuncio sia interessante per gli stessi. Qualche esempio di native advertising? I post sponsorizzati sui vari social network, a partire da Instagram e Facebook; articoli sponsorizzati su siti specializzati che danno visibilità al brand partendo da un contenuto interessante, i widget posti a fine articolo; annunci presenti su Google Search. Qualunque sia il formato utilizzato per il native advertising, si tratta di una pubblicità molto naturale, creata sulla base dello stile dell’azienda da sponsorizzare e con un contenuto concordato con l’azienda stessa.  La presentazione di un formato adeguato al design della pagina permette di dare continuità alla pubblicità stessa, di attirare, di creare un coinvolgimento e di non danneggiare la user experience dell’utente. Il native advertising, nella maggior parte dei casi, è visto come un qualcosa che ispira fiducia e con un contenuto di qualità che ne aumenta la visibilità. Inoltre, viene potenziata anche la lead generation attirando potenziali clienti.

7 reasons why affidarsi e utilizzare il native advertising

Il native advertising permette di ottenere dei risultati che convinceranno sia le aziende che gli utenti, i quali non si vedranno sopraffare dalla pubblicità e vedranno comparire esclusivamente contenuti per loro interessanti. Ma se facciamo parte della schiera dei marketer, quali sono i motivi per i quali scegliere questa strategia e come utilizzarla al meglio?

  1. Se si sceglie la piattaforma giusta e adatta al prodotto o al brand da sponsorizzare si entra in contatto col giusto pubblico ed è più semplice convertirlo in “acquisti”;
  2. Con una strategia mirata e costante e tenendo ben presente il target di riferimento si possono raggiungere dei risultati ottimali da inserire in una strategia multicanale;
  3. Se si seleziona e si sceglie il formato più corretto si riesce a ottimizzare la presentazione del native advertising;
  4. Se si utilizzano degli annunci sponsorizzati nei motori di ricerca si posiziona con più facilità il brand;
  5. Se si ricorre alle liste sponsorizzate, che rinviano alle landing page dei brand, si riesce a dare un consiglio “indiretto” che non infastidirà gli utenti, ma sarà una cosa gradita dando una serie di informazioni;
  6. Se si studia la composizione della pagina e/o del sito web si riesce a valutare abbastanza facilmente la posizione più strategica per posizionare la disclosure in modo che sia subito captabile dagli utenti.
  7. Se è vero che la costanza porta i maggiori successi, non si può non controllare i risultati ottenuti di volta in volta grazie ai diversi annunci sponsorizzati in modo da poterli valutare ed eventualmente modificare la strategia.

Contenuto e stile accattivanti sulla scia della comunicazione del brand per un pubblico sempre più attento, canale e piattaforma giusti, posizione strategia sul sito web e strategia multicanale: le possibilità del native advertising vi stupiranno!